Cookie utilizzare la notifica

Questo sito utilizza i cookie per fornire un servizio più attento e personalizzato.

L’accesso a questo sito implica l’accettazione dell’utilizzo dei cookie come indicato nella nota informativa allegata. Vi preghiamo pertanto di prenderne visione per ulteriori informazioni sui cookie da noi utilizzati e sulle modalità per eliminarli o bloccarne l'utilizzo.

Cushman & Wakefield ha concluso con successo la ricerca del nuovo flagship store per il Gruppo Miss Sixty in corso Vittorio Emanuele a Milano

Cushman & Wakefield è stata incaricata da Miss Sixty per la ricerca del nuovo store ed ha concluso con successo l’operazione, affiancando il noto brand fashion nel suo rilancio in Europa. Il marchio nato in Italia nel 1991, oggi nelle fila del colosso cinese “Trendy International” è infatti pronto a tornare in scena con una strategia articolata che individua Milano come fulcro strategico. Dopo l'opening dello showroom in via Durini, è attesa per l'autunno l'apertura di un flagship store negli spazi finora occupati da JDC.

Commenta Thomas Casolo, International Partner, Head of Retail in Italia: “Siamo molto orgogliosi di aver seguito il ritorno a Milano di un brand del livello di Miss Sixty che ha avuto un grande successo in Italia. Cushman  & Wakefield si è occupata della ricerca del punto vendita per questo importante gruppo, lavorando a stretto contatto con il cliente, nella fase iniziale per definire tempi e costi e durante tutta la negoziazione. Le aziende nazionali ed internazionali continuano a focalizzarsi su corso Vittorio Emanuele, che si conferma come principale location per il mass market, riconosciuta a livello internazionale.

Ancora una volta Cushman & Wakefield ha completato con successo un importante transazione su corso Vittorio Emanuele a Milano affiancando un brand internazionale, dimostrando la profonda conoscenza del mercato e la capacità di identificare la giusta location in termini economici e di posizionamento per Miss Sixty, così come fatto precedentemente per numerosi altri marchi a livello globale”.

Scarica il Comunicato Stampa