Cookie utilizzare la notifica

Questo sito utilizza i cookie per fornire un servizio più attento e personalizzato.

L’accesso a questo sito implica l’accettazione dell’utilizzo dei cookie come indicato nella nota informativa allegata. Vi preghiamo pertanto di prenderne visione per ulteriori informazioni sui cookie da noi utilizzati e sulle modalità per eliminarli o bloccarne l'utilizzo.

LO SVILUPPO DEI CENTRI COMMERCIALI IN EUROPA REPORT NOVERMBRE 2016

Silvia Jodlowski

Research Analyst

Research

 +44 02032964233

Contatto

Quanto riportato di seguito rappresenta una sintesi dei contenuti

EUROPEAN SC NOV 16

Secondo una ricerca condotta da Cushman & Wakefield, circa 8,1 milioni di mq di nuovi centri commerciali apriranno in Europa durante il secondo semestre del 2016 e tutto il 2017, con una particolare attenzione all’intrattenimento, attraverso il quale gli operatori si propongono di migliorare la “customer experience”.

Il report sullo sviluppo di centri commerciali in Europa (European Shopping Centre Development Report) mostra come la disponibilità di nuovi centri commerciali registri un’accelerazione dopo un primo semestre 2016 piuttosto debole, durante il quale sono stati completati solo 1,3 milioni di mq di nuovi spazi, con un calo del 7% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima. Tra tutti i centri ultimati, il 40% si trova in Russia e in Turchia.

L’Italia, con l’apertura de Il Centro ad Arese nel mese di aprile, si colloca al quarto posto con 93,000 mq di nuova GLA completata nel primo semestre del 2016. Nella seconda parte dell’anno, da evidenziare l’apertura di Elnòs Shopping a Roncadelle, il secondo centro commerciale di IKEA Centres in Italia che, con una superficie complessiva di 88.000 mq, rappresenta il più grande centro commerciale della provincia di Brescia.

Se tutta la superficie prevista nel continente europeo sarà consegnata in tempo, il totale dei centri commerciali passerà da 156,3 milioni di mq – registrati alla fine del primo semestre 2016 – a 164,4 milioni di mq entro la fine del 2017.

Justin Taylor, Head of EMEA Retail di Cushman & Wakefield, ha dichiarato: “E’ un momento particolarmente interessante per lo sviluppo di centri commerciali. Le proprietà si impegnano più di quanto abbiano mai fatto in passato per comprendere le motivazioni e i comportamenti di acquisto, così da garantire che i nuovi centri si mantengano appetibili per i consumatori finali. Questo si riflette nelle attività di sviluppo, dal momento che i centri commerciali nella maggior parte dei paesi europei cercano di inserire elementi che possano aggiungere valore sul piano esperienziale per attrarre i clienti.”

“Questo trova riscontro in un progetto o un design diversificati rispetto a quanto avviene per lo shopping tradizionale. Ristorazione e leisure ricoprono un ruolo fondamentale per incrementare il flusso di visitatori, il tempo di permanenza e i fatturati. Anche lo sviluppo tecnologico sta rapidamente salendo nella lista degli elementi fondamentali da tenere presenti nello sviluppo di qualsiasi progetto di successo.”

Nell’Europa Occidentale si prevede l’aggiunta di 1,4 milioni di mq nel solo secondo semestre del 2016. Con queste aperture il secondo semestre triplicherà quasi la superficie inaugurata nel primi sei mesi dell’anno, portando il totale del 2016 a 1,9 milioni di mq con una crescita del 25% rispetto al 2015, mentre ulteriori 1,7 milioni di mq sono attesi nel 2017.

Dopo aver contribuito per la maggior parte della superficie inaugurata nel primo semestre 2016 nell’Europa Occidentale, la Francia domina la pipeline con 800.000 mq di superficie commerciale in consegna entro la fine del 2017, di cui 140.000 mq nella regione di Parigi.

La lentezza dei processi di pianificazione e le difficoltà connesse alla realizzazione di nuovi centri nell’Europa Occidentale fanno crescere in proporzione gli ampliamenti di centri esistenti, la cui superficie salirà al 40% del totale nel 2017. Il principale progetto di ampliamento è in programma nel Regno Unito: con l’aggiunta di 69.000 mq di superficie Westfield London supererà i 230.000 mq di Aviapark, a Mosca, diventando così il più grande centro commerciale in Europa.

Le attività di sviluppo si espanderanno anche in Europa Centrale e Orientale, secondo le previsioni, con l’aggiunta di 2,4 milioni di mq di nuovi centri commerciali nel secondo semestre 2016 e di 2,6 milioni di mq nel 2017.

La Russia, nonostante la congiuntura economica negativa in atto nel paese, guida la classifica con 2,3 milioni di mq in consegna entro la fine del 2017, tra cui spicca il Vegas III di Mosca (119.467 mq).

Il prossimo anno vedrà anche l’apertura del gigantesco Emaar Square (150.000 mq) in Turchia, un mercato in cui i valori demografici e la crescita dei consumi trainano lo sviluppo di nuovi centri commerciali, pur a fronte della maggiore cautela dei promotori dovuta ai problemi geopolitici della regione. Un altro importante progetto - Posnania (100.000 mq) - è stato inaugurato a Posnan, in Polonia nel secondo semestre del 2016. 

In tutta Europa, il capitale investito nel settore dei centri commerciali ha raggiunto 8,5 miliardi di € nel primo semestre 2016, con una diminuzione pari a quasi il 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Vi sono tuttavia delle differenze sostanziali. Se il calo è stato significativo nell’Europa Occidentale, per la carenza di progetti prime, gli investitori con disponibilità di capitali e la volontà di investire si sono rivolti sempre più all’Europa Centrale e Orientale, in cerca di opportunità. L’Europa Centrale e Orientale ha registrato circa il 20% di crescita, anno su anno, nel volume degli investimenti giunti a quota 1,9 miliardi di €, di cui il 50% riferibile alla Polonia (928 milioni di €). La diminuzione di interesse degli investitori per Russia e Turchia si riflette invece in un calo rispettivamente del 79% e del 93% delle transazioni anno su anno.

Gli investimenti in centri commerciali nell’Europa Occidentale hanno raggiunto i 6,6 miliardi di € nel primo semestre 2016, registrando una diminuzione del 55% dovuta al calo dei volumi in mercati “core” per il settore dei centri commerciali: Francia, Regno Unito e Germania.

Silvia Kolibabova, Research Analyst di Cushman & Wakefield, aggiunge: “In termini di potenziale di sviluppo di nuovi centri commerciali, Londra, Bristol, Edimburgo, Barcellona, Monaco, Ankara, Istanbul, Sofia e Bucarest presentano dinamiche economiche più forti e una basso livello di saturazione commerciale.”

“Tuttavia lo sviluppo di un centro commerciale di successo dipende da una molteplicità di fattori, molti dei quali esterni. La preferenza per lo shopping nelle vie del centro città in alcune città dell’Europa Occidentale e la situazione geopolitica di alcuni paesi dell’Europa Centrale e Orientale, rappresentano un rischio potenziale che gli sviluppatori dovranno valutare”. 



Contacts

ESCDR_April2016_JustinTaylor  ESCDR_April16_JoannaTano  ESCDR_April16_SilviaKolibabova 
JUSTIN TAYLOR
Head of EMEA Retail    
 JOANNA TANO
Head of Operations, EMEA Research
SILVIA KOLIBABOVA
EMEA Research